Home Introduction Su di noi AVVISI Contact us
Home
Introduction
Su di noi
AVVISI
Contact us
FORUM PARTENARIALE
EVENTI
DOCUMENTI
 

 


CONCLUSA VISITA ESPLORATIVA

UNESCO E MUNCH

Poste le basi per fare del GAL un "Piccolo Laboratorio Sperimentale sotto l'Egida dell'UNESCO".

FOTO_STANZA_SINDACO.jpg

Tre giorni di incontri, dibattiti,  visite nei comuni, scambi di opinioni, progetti, visioni, tavoli di lavoro, affascinazioni culturali che solo il territorio del GAL TIRRENICO con i suoi 13 comuni può e sa offrire.

Questa è stata, in sintesi, il primo effetto della visita esplorativa nel GAL da parte del UNESCO, Ufficio Regionale per la Scienza  e la Cultura in Europa e del MUNCH, Coordinamento delle Cattedre UNESCO nel Mediterraneo.

"Tre giorni intensi e belli" hanno coralmente e con grande soddisfazione detto il prof. Paolo Ceccarelli, UNIFE, il prof. Enrico Fontanari, Cattedra UNESCO dell’Università IUAV di Venezia, e il dott. Matteo Rosati, UNESCO.

La visita, richiesta formalmente all'incontro di febbraio, con i vertici UNESCO, a Siena dall'arch. Roberto Sauerborn, grazie anche al prof. Ceccarelli, che torna nei luoghi del GAL per la terza volta, è stata minuziosamente preparata nella consapevolezza che tanto altro, per il poco tempo, non si è potuto offrire all'attenzione della delegazione.

Ma, l'obiettivo, covato e auspicato dai vertici del GAL, della visita esplorativa è stato centrato con grandissima soddisfazione anche del direttore del GAL TIRRENICO, l'arch. Roberto Sauerborn, e cioè la conferma della volontà del GAL di proporsi come un laboratorio sperimentale per lo sviluppo sostenibile del territorio tramite l’applicazione di strumenti e metodologie definiti in ambito UNESCO su temi quali i paesaggi storici urbani, la gestione integrata delle risorse culturali e naturali, e il rapporto fra aree urbane e rurali.

Le azioni di conoscenza, innovazione, formazione, ricerca e pianificazione che il GAL si impegna ad attivare in questo quadro, con il prezioso sostegno delle Cattedre UNESCOdel Mediterraneo, avranno un triplice obiettivo: in primo luogo, favorire uno sviluppo inclusivo dell’intero territorio del GAL, valorizzandone le molte e preziose specificità secondo un approccio sistemico; in secondo, raccogliere esperienze, informazioni e conoscenze che potranno dimostrarsi d’interesse oltre i confini del GAL; infine, esplorare opportunità di cooperazione internazionale.


"Questo sarà anche motivo di implementazione di un TURISMO DELLA CONOSCENZA (uno degli obiettivi del Gal Tirrenico e che ne conia il termine concettuale) grazie alla NARRAZIONE del territorio, delle unicità e preziosità di tutti i comuni del GAL TIRRENICO", ha dichiarato il presidente dal Gal Tirrenico, dott. Roberto Materia.
Da oggi per il GAL Tirrenico parte una nuova sfida che richiederà intenso e qualificato lavoro, partecipazione e condivisione da parte di tutti i soci, i partner e dell'ufficio del Gal: l'interesse e l'obiettivo se condivisi sono la base della sostenibilità e il GAL TIRRENICO ha dato prova di saperla testimoniare nei fatti grazie alla corale azione e condivisione dei sindaci e dei soci privati.

Nei prossimi mesi si attiveranno gli accordi di dettaglio tra gli enti e gli organismi anche per la partecipazione in sinergia ai bandi comunitari Interreg e Horizon 2020.

Al prof. Ceccarelli, al prof. Fontanari e al dott. Rosati sono andati il ringraziamento e le attestazioni di sincera stima da parte di tutti i sindaci e del CdA del Gal Tirrenico.

           Su di noi


VISITA ESPLORATIVA UNESCO E MUNCH

10 - 12 maggio 2017


CLICCA

Dal 10 al 12 maggio 2017 il territorio del nostro GAL sarà oggetto di una VISITA ESPLORATIVA di studio da parte dell'UNESCO, Ufficio  Regionale per la Scienza e la Cultura con sede a Venezia, su mandato di UNESCO Parigi e del Coordinamento delle Cattedre UNESCO del Mediterraneo, MUNCH, nell'ambito dell’avviato rapporto partenariale che il nostro GAL ha con queste istituzioni e che ha già visto l'inserimento dei Borghi di Castroreale e Novara di Sicilia nel Progetto Small settlements. Enhancing rural-urban linkages through culture promosso dalla Cattedra UNESCO dell'Università di Ferrara e dal Research Institute of Urbanisation, Xian Jaotong-Liverpool University di Suzhou (PRC).

L'evento rappresenta l'avvio di un percorso di possibile collaborazione a carattere sperimentale con l'UNESCO, l'Assessorato Regionale all'Agricoltura, il Dipartimento Regionale dell'Agricoltura della Sicilia, il Coordinamento delle Cattedre UNESCO del Mediterraneo, MUNCH, sul territorio del GAL Tirrenico con possibili interessanti sviluppi qualitativi in termini di sviluppo sostenibile dei centri minori del GAL ma non solo.

Il Visita Esplorativa avrà anche un momento di apertura al pubblico con una conferenza stampa che si terrà giorno 11.05 alle ore 11,30 presso Palazzo Marziani nel Comune di Furnari dove saranno presentati I temi della collaborazione tra gli organismi.

_____________________________


INCONTRO BILATERALE

UNESCO – MEDITERRANEAN UNESCO CHAIRS GAL TIRRENICO


 S. MARIA DELLA  SCALA, PIAZZA DEL DUOMO, 1 SIENA, ITALY 

27 – 28 GENNAIO 2017



-          Karim Hendili, UNESCO, World Heritage Centre, Coordinator of the World Heritage Cities Programme


-          Véronique Dauge UNESCO Regional Bureau for Science and Culture in Europe, Head of Culture Unit


-          Matteo Rosati, Programme Specialist - Culture Unit UNESCO Regional Bureau for Science and Culture in Europe, Venice (Italy)


-          Paolo Ceccarelli, UNESCO Chair in Urban and Regional Planning for Sustainable Local Development (University of Ferrara, Italy)


-          Michael Turner, UNESCO Chair in Urban Design and Conservation Studies (Bezalel Academy of Arts and Design, Israel)


-          Yonca Erkan, UNESCO Chair in Management and Promotion of World Heritage Sites (Kadir Has University, Istanbul)


-          Elena Mussinelli, UNESCO Chair in Architectural Preservation and Planning in Heritage Cities (Polytechnic of Milan, Italy)


-          Enrico Fontanari, UNESCO Chair in Heritage and Urban regeneration (IUAV, Venice, Italy)


-          Marcello Balbo, UNESCO Chair in Design and Planning in Complex Environments (IUAV, Venice, Italy)


-          Julija Matejic, UNESCO Chair  in Studies of Interculturalism (University of Arts, Belgrade)


-          Angela Paparusso, UNESCO Chair in Population,Migrations and Development  (University of Rome, La Sapienza)


                   -          Roberto Sauerborn, GAL TIRRENICO, General Manager and Expert in Cultural Heritage, Museums and Landscape, Barcellona P. di G., Messina (Italy)


Diversi i temi trattati durante l’incontro svoltosi nei due giorni anche grazie alla presenza di importanti esponenti dell’UNESCO e del Coordinamento delle Cattedre UNESCO, MUNCH.

 

Infatti, già la presenza, tra gli altri, di Karim Hendili, coordinatore del Programma UNESCO delle Città  Patrimonio Mondiale; di Véronique Dauge,  responsabile della Sezione Cultura  dell’ Ufficio UNESCO per l’Europa con sede a Venezia, unitamente ai titolari delle Cattedre UNESCO dell’area mediterranea di cui è coordinatore il “nostro” prof. Paolo Ceccarelli, ci ha dato  l’opportunità di veicolare “ il concetto ed I temi” del GAL Tirrenico e il nostro interesse nell’ambito dei programmi UNESCO, al di là di un possibile anche se auspicabile  accordo di collaborazione.

 

Infatti, è importante tenere presente che l’UNESCO è un organizzazione che può essere interessata a casi specifici e sempre se questi rientrano nelle problematiche di cui istituzionalmente si occupa. E siccome, noi del GAL Tirrenico, ci riteniamo persone serie e con i piedi per terra, sappiamo che le cosa vanno fatte con professionalità e metodo scientifico.

 

Ciò è fondamentale perché l’UNESCO non è riconducibile ad un semplice partner da poter utilizzare a fini propagandistici; una tale ipotesi, ove ventilata ma che non ci interessa, da un lato rischierebbe di far perdere ogni possibile ulteriore opportunità di relazioni, dall’altro non avrebbe alcuna valenza e sarebbe solo foriera di inutili titoli senza costrutto.

 

E’ stata mia cura evitare di affrontare il tema in questi termini quanto, invece, preoccuparmi di instaurare un primo apprezzatissimo e interessante dialogo per verificare la possibilità che l’importanza di alcune tipicità culturali, storiche, paesaggistiche e naturalistiche del nostro territorio venga riconosciuta dall’ UNESCO in base ai propri disciplinari.

 

Proprio il prof. Ceccarelli, che ha fatto da “sponsor” per la nostra causa, mi ha invitato inizialmente ad fornire ai funzionari UNESCO e al Coordinamento delle Cattedre UNESCO, una prima serie di informazioni sul nostro GAL e del nostro territorio al fine di stimolare l’interesse e il possibile avvio rapporto anche partenariale.

Ho pertanto toccato e approfondito innanzitutto i temi del nostro Piano di Azione Locale, molto apprezzato proprio per le tematiche su cui è stato costruito: Reti e filiere di imprese e culturali, ed Turismo sostenibile.

 

Discussa anche la necessità di una rinnovata organizzazione infrastrutturale del nostro territorio a partire dalla riqualificazione di collegamenti tra le sponde del Tirreno e dello Jonio.

 

Ho altresì confermato il nostro interesse per possibili collaborazioni su altri temi con la possibilità di compartecipazioni a programmi Europei con proposte progettuali condivise. Tale opportunità potrà essere oggetto di maggior approfondimento sia con l’ufficio UNESCO per l’Europa (che ha sede a Venezia) che con il Coordinamento delle Cattedre UNESCO, MUNCH.

 

Altrettanta attenzione ha avuto il tema di possibili riconoscimenti UNESCO per aspetti culturali specifici del e nel nostro territorio e che meritano di essere approfonditi. In questo senso è importante l’inclusione dei centri abitati di Castroreale e Novara di Sicilia nel progetto di ricerca UNESCO  “Creative Small Settlements” che riguarda borghi di continenti diversi e che verrà discusso nel convegno mondiale  UNESCO  sui centri minori  che si terrà in Cina nel settembre  2017.  Il territorio del GAL può divenire  un caso di studio di rilevanza internazionale rispetto ai temi dello sviluppo sostenibile (incluso il turismo culturale, naturalistico ed esperienziale), della resilienza alle trasformazioni climatiche e dell’inclusione sociale

 

A tale proposito, ove interessati, dovremo avviare un lavoro di raccolta dei dati di tutti i nostri comuni secondo metodologie che rispettino i disciplinari UNESCO e, come ovvio, pensare a occasioni di incontro con esperti UNESCO nei nostri territori  per approfondire aspetti relativi alle potenzialità ed alle debolezze del sistema territoriale  e ad eventi tipici e fortemente caratterizzanti la nostra cultura.



________________


ACCORDO TRA IL GAL TIRRENICO E LA BANCA MONTE DEI PASCHI DI SIENA


Banca Monte dei Paschi di Siena ha recentemente siglato con l’Assessorato Regionale all'Agricoltura della Regione Siciliana un Protocollo di Intesa per facilitare l’accesso al credito delle imprese agricole siciliane.


L’accordo prevede lo stanziamento di un primo plafond da 50 milioni di euro per favorire gli investimenti delle aziende che intendono partecipare ai bandi del Programma di Sviluppo Rurale e rilanciare lo strumento del credito agrario a breve, medio e lungo termine, dando priorità e tempi rapidi di risposta alle richieste di finanziamento da parte delle imprese.


In quell’occasione, l’Assessore all’Agricoltura ha affermato che “Organizzare un sistema del credito organico agli obiettivi del PSR ci aiuterà ad imprimere una forte accelerazione ai progetti dedicati alle imprese che vogliono consolidare la propria presenza sul mercato. Rilanciare lo strumento del credito agrario rappresenta un obiettivo strategico per dare al comparto agroalimentare risposte più veloci ma soprattutto nuove opportunità di investimento. Questa intesa deve servire anche a convincere il mondo delle Banche a sostenere il credito agrario, perché dall’agricoltura e dalle sue molteplici attività, cresceranno anche i profitti per tutto il sistema produttivo e finanziario.”
Nella medesima occasione il Dr. Giovanni Maione, Capo Area Territoriale Sicilia e Calabria di Banca MPS, ha aggiunto “
Il Protocollo di Intesa siglato è un punto di partenza importante e concreto per affiancare le imprese siciliane del settore. La produzione agroalimentare della nostra regione rappresenta un’eccellenza per tutta l’Italia e nell’attuale contesto di alta competizione la forte presenza di una Banca del territorio è fondamentale per gli imprenditori. È importante ricordare che quando si parla di agroalimentare si parla anche di economia del mare, industria di trasformazione e turismo rurale L’agroalimentare è quindi uno dei pilastri fondamentali dell’economia della Sicilia, per questo Banca Monte dei Paschi di Siena rinnova la sua vicinanza al territorio e fa la sua parte con pacchetti di misure dedicate, un plafond di 50 milioni destinato al credito agrario e misure specifiche per facilitare la partecipazione ai bandi del Programma di Sviluppo Rurale”.
Con riferimento al Protocollo con l’Assessorato Agricoltura della Regione Siciliana, la Banca Monte dei Paschi di Siena si è resa adesso disponibile a siglare con il GAL TIRRENICO “Mare, Monti e Borghi” un accordo con il quale sostanzialmente:


1.          assicurerà alle Imprese del settore, ove il merito creditizio lo consenta, la concessione, con procedura prioritaria, di finanziamenti di credito agrario in tutte le diverse tipologie, breve, medio e lungo termine;


2.          otrà provvedere, se richiesta, all’istruttoria dei finanziamenti afferenti le pratiche presentate per godere dell’assegnazione dei benefici previsti dal Programma di Sviluppo Rurale 2014/2020 ancor prima della emissione dello specifico provvedimento di approvazione ed assegnazione del contributo pubblico;


La sottoscrizione dell’accordo con la Banca Monte dei Paschi di Siena avverrà il 28 luglio 2016 in occasione di un incontro workshop partenariale che si terrà a Barcellona Pozzo di Gotto presso la Sala del Consiglio Comunale, alle ore 11,00, a cui parteciperanno tutti i Sindaci del GAL e i partner sottoscrittori della Manifestazione di Interesse.


In tale occasione la Banca Monte dei Paschi di Siena avrà modo di illustrare i termini dell’ACCORDO ed i pacchetti finanziari proposti in ambito PSR SICILIA 2014-2020.


Non sarà questo il solo appuntamento sul tema.


Sono giunte, infatti, al nostro GAL innumerevoli richieste di incontro proprio sulle opportunità che il PSR SICILIA 2014-2020 potrà offrire e dunque altri momenti di confronto si svolgeranno su specifiche misure del PSR e sugli strumenti finanziari disponibili e offerti in ambito GAL.
Ai lavori dell’incontro del 28 luglio interverranno:


  • Roberto Sauerborn, Direttore del GAL Tirrenico Mare, Monti e Borghi
  • Giuseppe Strano, Direttore Territoriale Mercato di Messina di Banca Monte dei Paschi di Siena Spa
  • Sergio Imparato, Settore Agro-Alimentare Area Territoriale Sicilia e Calabria di Banca Monte dei Paschi di Siena Spa
  • Roberto Materia, Sindaco di Barcellona Pozzo di Gotto e Presidente del Gal Tirrenico Mare, Monti e Borghi
  • i Sindaci dei Comuni partner del GAL
  • Antonello Cracolici, On.le Assessore Regionale dell’Agricoltura dello Sviluppo Rurale e della Pesca.




Site Map